GIORGIO BORSA (1912-2002). In ricordo dell'amico e del maestro

Il 18 giugno 2002 scomparve Giorgio Borsa. Nato il 19 gennaio 1912, Borsa era il decano degli asiatisti italiani. Per quanto il suo lavoro di ricerca comprendesse non solo l'India, ma anche la Cina ed il Giappone, e per quanto autore di un bel testo sulla metodologia della ricerca storica, Borsa merita di essere ricordato anche - forse soprattutto - come il vero iniziatore dell'indianistica italiana. A lui, cioè, si deve la nascita in Italia di una corrente di studi, focalizzata sull'analisi dell'India moderna e contemporanea, studi condotti facendo uso delle categorie proprie dello storico, piuttosto che di quelle tipiche del linguista e del filologo. In ogni caso, non solo nel campo della storia indiana, l'influenza di Borsa sullo sviluppo degli studi extra-europei in Italia è stata notevole. Molti degli studiosi che, oggi, si interessano non solo dell'Asia moderna e contemporanea, ma anche dell'Africa sono suoi discepoli o discepoli di suoi discepoli. Nell'articolo qui di seguito, uno di questi suoi discepoli ricorda Giorgio Borsa sia come uomo e come amico sia come maestro e come studioso.

 

 

AllegatoDimensione
GIORGIO BORSA.pdf103.71 KB

Argomenti []