Le elezioni in Pakistan

Autore: 

Qualche commento sulle elezioni in Pakistan, in attesa che arrivino i risultati definitivi e si possa tentare qualche analisi.

Ecco i principali dati che emergono: l'affluenza alle urne è stata bassa, leggermente inferiore rispetto a quella delle elezioni del 2002; le elezioni sembrano abbastanza libere e trasparenti (gli episodi di violenza e di intimidazione sono stati limitati), un fatto che è dimostrato anche dai risultati preliminari, che danno al Partito Popolare Pachistano (PPP) e la Lega Musulmana di Sharif (PML-N) una netta vittoria. Pochi invece i voti per il partito pro-Musharraf, la Lega Musulmana-Q. Significativo il fatto che lo stesso presidente della PML-Q, Chadhry Shujat Hussein, sia stato sconfitto da un candidato del PPP. Altro dato significativo a mio giudizio: l'alto numero di candidati indipendenti - una variabile di cui tenere conto nella formazione del nuovo governo - e l'avanzata dei partiti regionali su base etnica a scapito della coalizione di partiti religiosi (effetto in parte della decisione del jamaat-e- islami, membro influente della coalizione, di boicottare il voto). Si profila quindi una situazione in cui Musharraf, in qualità di presidente, dovrà lavorare con un parlamento ostile, che potrebbe anche decidere di votare per il suo impeachment.

19 febbraio 2008


Argomenti []