Statuto

Art. 1 - COSTITUZIONE

E' costituita l'Associazione culturale denominata "Italindia - Associazione Italiana per l’India Moderna e Contemporanea", senza fini di lucro, con durata illimitata e con sede in Roma, via Latina 276, presso l’Associazione "Alisei". 

Art. 2 - SCOPI E CARATTERISTICHE

L'associazione si propone l'obiettivo di promuovere e di coordinare lo studio, le ricerche e la conoscenza in Italia dell'India moderna e contemporanea, mobilitando a tal fine le necessarie risorse umane e finanziarie. L'associazione si propone inoltre di: 

  • servire da strumento di collegamento a livello nazionale fra gli studiosi dell'India, facilitando i contatti personali e la conoscenza dei lavori di ricerca già eseguiti, in corso o allo stadio di progetto;
  • porsi come un canale di comunicazione con l'opinione pubblica italiana, fornendo informazioni sull'India e sui lavori in corso in Italia sull'India sia al pubblico colto, sia a quei settori della società italiana (giornalisti, editori e imprenditori) che hanno a che fare a livello professionale con l'India;
  • stabilire contatti con Università e centri di ricerca indiani, in modo da favorire viaggi di studio e soggiorni di ricerca di studiosi italiani in India e, viceversa, di studiosi provenienti dall'India;

Art. 3 - ATTIVITA' DELL'ASSOCIAZIONE

Per il raggiungimento dei suoi scopi, l'Associazione: 

  • organizza convegni e seminari di studio;
  • promuove la formazione di ricercatori e, a tal fine, realizza attività didattiche;
  • collabora ad attività di ricerca con Università italiane e straniere e con enti di ricerca, pubblici e privati, italiani ed esteri;
  • mantiene rapporti con le rappresentanze diplomatiche italiane in India ed indiane in Italia, nonché con gli Istituti italiani di cultura in India;
  • svolge, anche iin collaborazione con altre istituzioni, attività editoriali, anche di tipo telematico, attraverso la pubblicazione di volumi e collane, la creazione di database telematici e/o il sostegno di riviste scientifiche;
  • promuove iniziative di carattere sociale, culturale e artistico aventi per oggetto l'India, da svolgere o produrre in proprio o in collaborazione con enti, istituzioni, società e associazioni operanti nei campi interessati;
  • può aderire o federarsi o stabilire contatti con analoghe organizzazioni a carattere nazionale o internazionale;
  • svolge qualsiasi altra iniziativa che consenta il miglior perseguimento dei fini sociali.

Art. 4 - I SOCI

I Soci dell'associazione sono sia individuali, sia collettivi.Sono Soci individuali le persone fisiche che condividano le finalità dell'Assocazione, abbiano raggiunto il diciottesimo anno d'età, richiedano di farne parte, siano ammessi secondo le modalità specificate all'art. 10, versino regolarmente la quota associativa.
Sono Soci individuali sostenitori le persone che abbiano i requisiti generali indicati al comma precedente e versino la quota stabilita dall’Assemblea per tale categoria associativa.Sono Soci collettivi enti quali Dipartimenti universitari, Centri di studio, Associazioni, Organizzazioni non governative, Imprese e altre entità con natura giuridica che condividano le finalità dell'Assocazione, richiedano di farne parte, siano ammesse secondo le modalità specifcate all'art. 10, versino regolarmente la quota associativa.I Soci hanno l'obbligo morale dell'osservanza dello Statuto e delle decisioni prese dagli organi sociali. 

Art. 5 - ORGANI SOCIALI

Sono organi dell'Associazione: 

  • l'Assemblea dei Soci;
  • il Presidente;
  • il Vice-Presidente;
  • il Consiglio Direttivo;
  • il Segretario;
  • il Tesoriere.

Art. 6 - L'ASSEMBLEA DEI SOCI

L'Assemblea dei Soci è convocata dal Presidente, sentito il Consiglio Direttivo, almeno una volta all'anno, con un preavviso scritto di almeno trenta giorni. Funzioni di tale organo sono: 

  • indicazioni delle linee generali di attività;
  • discussione ed approvazione della relazione del Consiglio Direttivo riguardo all'attività svolta nell'anno precedente;
  • approvazione del bilancio consuntivo / rendiconto dell'esercizio precedente;
  • discussione e approvazione della relazione programmatica, a cui deve essere allegato il bilancio provisionale;
  • determinazione dell'entità delle quote associative annuali per le varie categorie dei soci.

Oltre alle competenze di cui sopra, l'Assemblea provvede altresì all'elezione a scrutinio segreto del Presidente e del Consiglio Direttivo. 

Art. 7 - ORGANIZZAZIONE DEI LAVORI

L'Assemblea è presieduta dal Presidente dell'Associazione o, in sua assenza, dal Vice Presidente e, in subordine, da un membro del Consiglio Direttivo.Il Presidente è sempre tenuto a convocare l'Assemblea quando: 

  • ne sia fatta richiesta dalla maggioranza del Direttivo;
  • ne sia fatta richiesta scritta, con indicazione degli argomenti da trattare, da almeno un terzo dei Soci.

L'Assemblea, salvo diversa indicazione, delibera per alzata di mano e a maggioranza dei voti espressi. Ciascuno dei Soci presenti potrà, dietro delega scritta, esprimere il voto di altre due persone fisiche e di altre due persone giuridiche facenti parte dell'Associazione, purché risultino in regola con il versamento della quota associativa. 

Art. 8 - IL PRESIDENTE

Il Presidente dell'Associazione è eletto a scrutinio segreto dall'Assemblea dei Soci, fra i suoi membri. Ogni socio, presente personalmente o per delega, esprime una preferenza su ogni scheda elettorale. Il suo mandato dura 3 anni ed è rinnovabile una sola volta consecutivamente.Nel corso della prima riunione del Comitato Direttivo, propone il nome del Segretario e del Tesoriere.

Il Presidente ha la rappresentanza e la firma sociale, è abilitato ad aprire conti correnti bancari e postali ed a incassare in nome e per conto dell'Associazione sovvenzioni ed erogazioni da parte di privati o enti pubblici.Il Presidente convoca e presiede le riunioni del Consiglio Direttivo e l'Assemblea dei Soci, stabilendone l'ordine del giorno. 

Art. 9 - Il CONSIGLIO DIRETTIVO

Il Consiglio Direttivo è composto da un numero dispari di membri pari o superiore a cinque, fra cui il Presidente, da stabilirsi a ogni rinnovo delle cariche, ed è eletto dall'Assemblea dei Soci ogni tre anni. Le sue riunioni sono valide con la presenza della maggioranza semplice dei suoi membri.L'Assemblea dei Soci elegge a scrutinio segreto il Consiglio Direttivo dopo aver eletto il Presidente.

Ogni Socio, presente personalmente o per delega, esprime su ogni scheda elettorale un numero massimo di preferenze pari a metà dei membri del Consiglio Direttivo escluso il Presidente.Il Consiglio Direttivo, su proposta del Presidente, nomina fra i suoi componenti un Vice Presidente che esplica le funzioni supplettive del Presidente quando quest'ultimo è assente o momentaneamente impedito.

Su proposta del Presidente il Consiglio Direttivo può nominare un Presidente Onorario, oppure due o più Co-Presidenti Onorari, da prescegliersi fra le personalità che abbiano svolto attività e perseguito finalità affini a quelle dell'Associazione, o che si siano rese benemerite nei confronti dell'Associazione stessa.

Con la stessa procedura il Consiglio Direttivo può nominare Soci Onorari.Il Consiglio Direttivo è convocato dal Presidente con preavviso di otto giorni, e delibera con voto favorevole della maggioranza dei presenti. In caso di parità prevale il voto del Presidente. 

Art. 10 - FUNZIONI DEL CONSIGLIO

Le funzioni del Consiglio Direttivo sono:

  • dare applicazione alle linee generali di indirizzo dettate dall'assemblea dei Soci;
  • svolgere attività propositiva nei confronti dell'Assemblea;
  • predisporre la relazione programmatica e la relazione sull'attività svolta da presentare all'Assemblea;
  • valutare la domanda d'iscrizione di nuovi Soci;
  • dichiarare la decadenza di Soci non in regola con le norme dello statuto;
  • predisporre il bilancio consuntivo / rendiconto da sottoporre alla approvazione dell'Assemblea.

Art. 11 - IL SEGRETARIO

Il Segretario è nominato dal Consiglio Direttivo su proposta del Presidente.Redige i verbali delle assemblee dei Soci e delle riunioni del Consiglio Direttivo. Provvede a inviare le convocazioni delle assemblee dei Soci e delle riunioni del Consiglio Direttivo. 

Art. 12 - IL TESORIERE

Il Tesoriere è nominato dal Consiglio Direttivo su proposta del Presidente, e rimane in carica fino a che è in carica il Consiglio Direttivo che l'ha nominato.Provvede alla riscossione delle entrate e al pagamento delle spese, redige il bilancio preventivo e consuntivo, cura la tenuta dei documenti contabili anche giovandosi di un'eventuale assistenza professionale.

Art. 13 - MODIFICHE DELLO STATUTO

Eventuali modifiche del presente statuto possono essere deliberate dall'Assemblea dei Soci, qualora i voti a favore delle modifiche proposte siano pari o superiori a due terzi degli associati votanti.

Art. 14 - SCIOGLIMENTO

L'eventuale scioglimento dell'Associazione è deciso da un'Assemblea straordinaria dei Soci, con un voto favorevole pari o superiore alla maggioranza dei due terzi degli iscritti.

Art. 15 - DISPOSIZIONI FINALI

Per quanto non previsto dal presente statuto, si rinvia alle disposizioni di legge in materia.